RAMBLOC4DEAR

Rambloc4DEAR è un concorso finalizzato alla selezione di quattro grafiche per una serie in edizione limitata delle copertine per il blocco per appunti rinforzato a marchio RAMBLOC, la cui vendita sostiene le attività di DEAR Onlus.

Il concorso si inserisce nel programma di Robo&Bobo, un innovativo percorso didattico-laboratoriale su programmazione, digital fabrication, elettronica e grafica digitale, che si rivolge ai giovani pazienti del reparto di Oncoematologia pediatrica e Centro Trapianti dell’Ospedale Regina Margherita di Torino.

Tema della prima edizione è il pattern, la cui composizione è data dal moltiplicare e affiancare tra loro, secondo una griglia regolare e ordinata, tanti moduli base identici o diversi tra loro, secondo regole e ritmi grafici.

In una prima fase i ragazzi hanno esplorato il segno grafico a mano libera in laboratori secondo Metodo Munari: una sperimentazione di diversi strumenti traccianti, valorizzata dall’uso di strumenti speciali non facilmente reperibili, ma anche da strumenti di uso comune, con un approccio di scoperta delle potenzialità del segno. Nella seconda fase dei laboratori i segni prodotti sono stati digitalizzati, diventando la base comune per infinite possibilità di combinazioni grafiche. In questa fase i ragazzi, sotto la guida di operatori professionali e studenti del Politecnico, hanno realizzato i propri pattern, valorizzando al contempo il lavoro collettivo.

Una giuria di esperti ha poi selezionato i quattro elaborati vincitori, che sono diventati questa edizione limitata dei quaderni Rambloc. Così la creatività e le competenze sviluppate nei laboratori di Robo&Bobo possono uscire dal contesto ospedaliero e ottenere una nuova visibilità, con un impatto positivo anche sull’autostima dei ragazzi.

Hanno partecipato al progetto: Laura, Pietro, Yosra, Albano, Alessandro, Laura, Gelson, Leo, Maroua, Therese, Giulia, Ada, Francesca, Greta, Regis, Bea, Cesare, Oriana, Alessandro. 

Le grafiche vincitrici sono state realizzate da: Ada, Oriana, Cesare e Regis.